Browsing All posts tagged under »Il passato è una terra straniera«

Sì, d’accordo, dovrei venirne fuori, però

aprile 12, 2013

6

La solitudine mi abbrutisce. Quel grumo che mi sento in mezzo al petto e che tutti chiamano cuore, è stato spezzato e rimesso insieme mille volte. L’anima strappata a morsi – rigenerata nello spazio di un’estate, in cui ero fuggita via da ogni cosa e persino da me stessa – ha ripreso a deteriorarsi, inesorabilmente. […]

Messico e nuvole

dicembre 1, 2012

3

[…] Penso che ormai di vincere mi importa ben poco. Ripasso mentalmente momenti imprecisati di tanti anni fa: è una sequenza rapida e ben conosciuta – la mente che torna a ricordi idealizzati e perfetti, quando ogni cosa era diversa e io stessa ero un’altra persona e avevo solo sogni e speranze e non possedevo […]

Una seconda occasione

luglio 29, 2012

1

E’ tutta colpa della svolta romantica, penso. Luigi mi guarda. Le parole non dette hanno aleggiato sulle nostre teste per tutta la sera. E tutto d’un tratto ho voglia di tirare fuori la storia della svolta romantica. D’altronde, tutto è iniziato da lì e vorrei proprio dire due parole su cosa siamo stati allora, prima di provare […]

Una festa. Due sbronzi malinconici seduti in un angolo a parlare.

marzo 23, 2012

3

Julie: Non riesco a non pensarci. Ieri sono uscita con un tizio: mi ha portato a cena in bel posto, è stato brillante e galante. Mi ha corteggiata per tutto il tempo. E io, intanto, non facevo che pensare al sorriso di Gabriele – sai, mi scaldava l’anima, ogni volta che vedevo Gabriele sorridere. Buongiorno Tristezza: Anche io […]

Un raggiro

febbraio 6, 2012

7

Mi sento raggirata dallo scorrere del tempo. Ho trent’anni e mi sembra che me ne abbiamo appioppati almeno quattro o cinque oltre il dovuto. Anni in eccesso che non mi appartengono e che non ho avuto modo di vivere. Se il tempo fosse un’entità corretta, farebbe come l’agenzia delle entrate quando ti manda la comunicazione delle imposte a credito. […]

About him. Or about me. (There are not so many differences)

ottobre 4, 2011

4

Mi sembra che tutti facciano dei passi in avanti, tranne me. Percepisco il tempo che passa. Scorre e tutti si muovono di conseguenza. Soltanto io resto ferma. Mi blocca il ricordo di qualcuno che è andato via. O forse, la speranza di qualcosa che neanche io so. E mi restano solo la rabbia e l’incapacità di […]

Via – Parte II (Un seguito inutile)

settembre 25, 2011

4

Ho imparato ad apprezzare il mare quand’ero già grande. Con questa parola – mare –  non intendo le mattinate in spiaggia, fatte di indolenza e ustioni di primo grado sotto al sole. Mare rievoca in me impressioni di infinito e speranza e libertà e ricordi di viaggi col vento in faccia, di onde che si […]