Browsing All Posts filed under »Pascal«

Ritorno al presente

gennaio 3, 2011

2

Primo pomeriggio del trentuno. Milano è accarezzata dal pallore del sole. Entro in casa e disfo la valigia – se non lo faccio ora non lo farò mai più. Tra qualche ora, inizieranno i festeggiamenti di fine anno. L’ennesima illusione. Credere che tra meno di otto ore la nostra vita possa prendere una piega nuova […]

Macchie violastre dai bordi giallognoli

dicembre 2, 2010

3

Ero in centro a far compere. In genere, in una città così grande, non ti aspetteresti di incontrare per strada qualcuno che conosci. L’ho notato subito. La figura slanciata e le spalle larghe, l’immancabile sigaretta tra le dita. Era come sempre bellissimo, anzi ancora di più del solito, in quel completo blu. L’avevo visto vestito […]

Catarsi e nebbia

novembre 12, 2010

1

Io e Pascal siamo seduti sul divano. La televisione sta trasmettendo una puntata di CSI. Non c’è l’audio. Nessuno fa caso alle immagini sullo schermo: lui si guarda intorno e io fisso la bottiglia di birra quasi vuota che c’è sul tavolino. Mi ha fatto piacere rivederti. Scopare con te è catartico. Mi svuota di […]

Tanti baci sparsi

ottobre 25, 2010

0

L si trova a circa 5.000 kilometri da qui. Kilometro più, kilometro meno. Anche stavolta, non so quando tornerà. Si è comportato come le altre volte. Mi ha chiamata, abbiamo parlato di cose superficiali e ha concluso dicendo: E’ sempre illuminante parlare con te. Ti mando tanti baci sparsi. Poi, ho scoperto – per vie […]

Analisi comparata del target per fascia d’età

ottobre 4, 2010

4

Dopo l’ultima volta, dopo la noia dell’ultima volta, me ne ero andata via in punta di piedi dai sabato pomeriggio con Pascal. In seguito, lui mi aveva cercato sporadicamente, io non mi ero fatta trovare, lui non aveva insistito. Chiaramente, avevamo esaurito ciò che era iniziato senza un motivo e che si era trascinato per […]

Solitudine

settembre 13, 2010

0

E’ Pascal che citofona alle due di domenica mattina e tu che gli apri la porta. Lui che si ferma per il tempo necessario e (dopo il solito scambio di sentiment sull’andamento del mercato azionario) se ne va  baciandoti su una guancia. In parte, lui è una tacca sulla tua cintura, perché è attraente, desiderabile, […]

Città (non più) vuota

agosto 30, 2010

4

30 agosto 2010. La città si riempie. Già ieri sera, dalle parti di piazzale Susa, si sgomitava per l’aperitivo. I miei ex compagni d’università, tutti abbronzatissimi e in Fred Perry (una coordinazione da recita scolastica di fine anno) sorseggiavano i loro cocktail con aria rilassata, felici per la ripresa del campionato. Stasera sono beata tra gli […]