Browsing All Posts filed under »Comparse«

Routine, minestre riscaldate ed infine un Principe

settembre 20, 2016

0

Ammettiamolo, ero tornata per fare più casino di quando ero partita. Avevo collezionato qualche trofeo, fatto dell’ottimo sesso, intrapreso una frequentazione occasionale con colui che era stato l’amore della mia vita (frequentazione i cui tempi erano dettati dalla fusione cross-border di turno), mi ero infatuata di Big4 che mi aveva scaricata con la stessa noncuranza con cui ci si toglie […]

Lux (A fresh start)

maggio 8, 2016

0

Ci sono voluti 3 anni e 14 giorni per decidere di tornare. Il viaggio di ritorno, su un aereo piccolo e semi-deserto, è stato davvero breve. Fuori dall’aeroporto nessuno ad attendermi se non Milano e la sua aria stranamente gelata per una mattina di tardo aprile. Dovevo venirne fuori e alla fine l’unica soluzione che […]

Tutto è bene quel che comincia bene

gennaio 11, 2012

7

Dormo poche ore. Mi sveglio di soprassalto. Allungo una mano verso l’interruttore. Salta la corrente. L’anno nuovo inizia magnificamente. Meno di cinque ore fa ho avuto l’ennesimo litigio con Gabriele, un litigio a distanza – of course. Mi dispiace? Non lo so. Come mi sento? Disperata. Forse. Ripristino la corrente. Due lampadine saltate. Ottimo. Accendo […]

En passant

aprile 20, 2011

5

Astenersi dall’esprimere ciò che si prova? Perché? Perché qualcun altro potrebbe venire a saperlo? Sì, potrebbe venire a saperlo, magari leggendo un post di quart’ordine in un blog di quart’ordine, e sentirsi in imbarazzo. Ma chissenefrega. Volevo solo precisare che “rincorrere una persona” non significa aspettare passivamente su Facebook che la suddetta persona si connetta […]

Passaggio

aprile 18, 2011

0

Sei passato come tutte le cose belle. Come gli odori degli sfocati pomeriggi dell’infanzia. Come la domenica quando si è ancora esausti. Era dolce annusarti e sbirciare oltre i tuoi occhi, in fondo vi si scorgeva un racconto in controluce. Avrei voluto che restassi per mostrarti ciò che non so, ma non potevo finire indietro. […]

Le lunghe distanze e il passo del gambero

marzo 31, 2011

7

Ora gli dico: Mi sei mancato. Sì, glielo dico. E lui mi risponderà: Anche tu mi sei mancata. E poi, riprenderemo a vederci, sorrideremo l’uno all’altra in silenzio. Silenzi carichi di aspettative e promesse e paure. Treni che si sovrappongono in giorni indifferenti e tabelloni orari con il rumore vorticoso di ritardi e attese. Ci […]

Filippo

febbraio 24, 2011

2

Filippo: Cosa ti piace di me? Julie: Il fatto che tra quattro mesi andrai a vivere a un oceano di distanza da qui. Quattro mesi è un lasso di tempo perfetto. Ogni storia d’amore che aspiri ad essere tale non dovrebbe mai durare più di quattro mesi.