Browsing All Posts filed under »Alessio«

Messico e nuvole

dicembre 1, 2012

3

[…] Penso che ormai di vincere mi importa ben poco. Ripasso mentalmente momenti imprecisati di tanti anni fa: è una sequenza rapida e ben conosciuta – la mente che torna a ricordi idealizzati e perfetti, quando ogni cosa era diversa e io stessa ero un’altra persona e avevo solo sogni e speranze e non possedevo […]

Una seconda occasione

luglio 29, 2012

1

E’ tutta colpa della svolta romantica, penso. Luigi mi guarda. Le parole non dette hanno aleggiato sulle nostre teste per tutta la sera. E tutto d’un tratto ho voglia di tirare fuori la storia della svolta romantica. D’altronde, tutto è iniziato da lì e vorrei proprio dire due parole su cosa siamo stati allora, prima di provare […]

Cammino per le strade affollate.

febbraio 25, 2012

3

Cammino per le strade affollate. Altro venerdì notte. Altro giro. Attorno a me, sciami di maschere festanti e giovani ragazze dell’est – alte ed ossute. Il sabato grasso si avvicina, la settimana della moda volge al termine. Me ne sono andata da quel locale non appena si è riempito di modelle. Ci ho provato con due tipi, altrettanti […]

Tutto è bene quel che comincia bene

gennaio 11, 2012

7

Dormo poche ore. Mi sveglio di soprassalto. Allungo una mano verso l’interruttore. Salta la corrente. L’anno nuovo inizia magnificamente. Meno di cinque ore fa ho avuto l’ennesimo litigio con Gabriele, un litigio a distanza – of course. Mi dispiace? Non lo so. Come mi sento? Disperata. Forse. Ripristino la corrente. Due lampadine saltate. Ottimo. Accendo […]

L’impressione di scissione è totale; ormai sono prigioniera in me stessa.

dicembre 13, 2011

3

Non faccio altro che ripetermi. Mi ripeto così tanto che poi finisco con l’essere annoiata da me stessa.  E poi, odio la mia pochezza d’animo e il modo ciclico che ho di lanciarmi in ricerche ansiose e inconcludenti. Sono prevedibile e non riesco a tollerarlo. Non sopporto neanche il mio continuo immaginare ad occhi aperti […]

Spring ending

maggio 11, 2011

2

S’è alzato il vento. M’è tornato in mente che provengo da un luogo diverso da quello che accompagna questi miei giorni contorti. A volte me ne dimentico, mi dimentico di non appartenere a questa città bulimica. Mi scordo che, da qualche parte, c’è un piccolo borgo fatto di vento ed erba bruciata dal sole e […]

In the waiting line

maggio 2, 2011

7

Le mie giornate s’incamminano su un filo sottile, al confine tra depressione ed euforia. In ufficio, la mole di lavoro aumenta esponenzialmente di settimana in settimana. Collega Fetish pensa sempre alla figa e, quando non è alla scrivania, sta al piano terra a fare il tacchino con le receptionist ventenni. Collega Aggressive continua a passare […]