Browsing All Posts published on »ottobre, 2010«

Ineluttabile

ottobre 30, 2010

6

Va bene, lo ammetto. Lui non è come gli altri e, perciò, lo tratto in maniera diversa dagli altri. Il fatto è che mi ricorda me, com’ero tre o quattro anni fa, e vorrei fare per lui quello che nessuno allora ha fatto per me: dargli l’illusione che ci siano altre possibilità. Ci teniamo stretti, […]

Tanti baci sparsi

ottobre 25, 2010

0

L si trova a circa 5.000 kilometri da qui. Kilometro più, kilometro meno. Anche stavolta, non so quando tornerà. Si è comportato come le altre volte. Mi ha chiamata, abbiamo parlato di cose superficiali e ha concluso dicendo: E’ sempre illuminante parlare con te. Ti mando tanti baci sparsi. Poi, ho scoperto – per vie […]

Cose che si seppelliscono sotto strati di altre cose

ottobre 20, 2010

11

Ci sono ricascata. Ancora. Non ho alcun talento nel mantenere i miei buoni propositi. Sono sdraiata e cerco di riprendere fiato; i miei occhi vagano per la stanza. Lui mi ha guardata in quel suo modo strano, come se avesse davanti a sé qualcosa di bellissimo e prezioso, e io non sono riuscita a sostenere […]

Retrattile (Probabilmente io meritavo di più)

ottobre 18, 2010

0

Io, una volta, mica ero così. Così come sono adesso, intendo. Una volta, strabordavo di entusiasmo e speranze e aspettative. E credevo nell’amore e nella possibilità di essere davvero felici e di colmare quel pungente vuoto interiore. E sono stata accompagnata da questa ridicola illusione fino a quattro o cinque anni fa. Poi, Andrea mi […]

Jam

ottobre 15, 2010

0

Ieri sera, sulla circonvallazione, sembrava stessero girando il remake di Weekend di Godard. Ed era soltanto giovedì.

Ancora sui giovani d’oggi

ottobre 14, 2010

6

Nella scelta degli uomini adotto generalmente le seguenti linee guida: 1) evitare uomini sposati o impegnati: non per una questione morale (la coscienza l’ho persa via qualche tempo fa) ma soltanto per non dover avere a che fare con complicazioni o noiosissimi sensi di colpa altrui; 2) mai con i colleghi di lavoro: non ci […]

Saturday night fever

ottobre 11, 2010

3

Milano, vista da qui, dal sedile posteriore destro di un’automobile, mi pare al contempo rarefatta e autentica. Siamo in quattro: Fabrizio che guida, adepta di LFB n. 2 sul sedile del passeggero e, sedute dietro, io e Linda, che sto imparando a conoscere. E’ molto tardi, siamo in silenzio, la voce di Dave Gahan dall’autoradio […]