Browsing All Posts published on »settembre, 2010«

Again and again

settembre 29, 2010

7

Non è mica così facile come si potrebbe pensare. Abituarsi all’idea che non ci sei più, intendo. Aver scordato il tuo odore. Convincermi che sei un estraneo. Che passerai come i rivoli di pioggia di questi giorni imbrattati. Dolore e inquietudine si mischiano e si confondono in uno spigolo irrintracciabile di me. Scopro di aver […]

Una promessa

settembre 28, 2010

2

Vorrei conoscere tanti piccoli particolari di te Ma finora sono riuscita a far mio Solo il suono della tua voce sarcastica Il fascino dell’essere sconosciuti E’ nella contemplazione di infinite possibilità.

L come.

settembre 25, 2010

0

Io non sono l’uomo della tua vita e tu non sei la donna della mia vita. Potremmo scopare o avere una storiella. Escludo entrambe le opzioni. Mi conosco e so che in entrambi i casi finirei per perdere interesse per te, inizierei ad evitarti piano piano. E io non voglio che noi due ci perdiamo […]

Come eravamo

settembre 23, 2010

0

Era il 1965. Il giovanissimo signor Kohler era trasmettitore nel battaglione Folgore, di stanza a Treviso. Magro come un chiodo, con gli occhi verdi e il naso pronunciato, guardava con stupore la rara bellezza delle donne del luogo. Grazie all’innata galanteria ed al colore degli occhi,  non occasionalmente, gli capitava di spezzare qualche cuore. Un […]

L come Lotta

settembre 21, 2010

0

L mi scrive: Julie, quando hai tempo dai un’occhiata a questa nota, secondo me ti piacerà. “Non importa con quanto scrupolo seguirai le indicazioni: avrai sempre l’impressione di aver perso qualcosa, la sensazione sprofondata sotto la tua pelle di non aver vissuto tutto. C’è quel sentimento di caduta nel cuore, per essere andato troppo in […]

Talkin’ ‘bout my generation

settembre 21, 2010

5

E’ tutta colpa di Milano. Claustrofobica. Sintetica. Ambiziosa. Lasciva. Pretenziosa. Inospitale. Sbrigativa. Morbosa. Asettica. Certi fine settimana, in certi locali, sembra di essere stati inghiottiti da un brutto incubo. La nostra generazione di quasi-trentenni e poco-più-che-trentenni è di per sé predisposta allo sbandamento e, di certo, vivere la città non ci fa per niente bene. […]

Ebbene sì.

settembre 20, 2010

1

29.